PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La verita'

Sorseggio le mie vili giornate senza voglie, annego assopendomi tra quelle calde lacrime di cristallo asciutte, pietrificate.

Tra le sabbie bianche di questa spiaggia di rugiada riposo:
inutilmente succube, inutilmente stanco.

Ma le mie quattro mura di tristezza s'assottigliano ogni giorno di piu'

E la carta e' il mio solenne giaciglio e il sogno il mio etereo cuscino.

Sopra di me comete d'ametista e profumi d'ozono dentro di me.

Pioggia insapore inonda la mia gola ispida; assaggio ogni singola goccia: qualcuna sa di me, un altra di te, un altra ancora di noi.

Tutto profuma di nulla.

Che il mondo spalanchi le sue vacue sbarre di nebbia e riveli ai miei occhi veggenti l'ossuta verita':

Siamo soli nell'universo!

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/07/2013 12:11
    Splendida poesia... complimenti

1 commenti:

  • Dora Millaci il 04/07/2006 11:15
    coinvolgente e decadente... una valanga di emozioni, sapori, odori, visioni e parole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0