PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Disfunzioni di un cuore letterario illetterato

L’infinito che mi anima non è quello delle brigate rosse
non sono un violento
I soldi miei me li so pisciati tutti d’un colpo fino all'ultima goccia
non ero innamorato di Madame pipì
ma degli Altri
di quel tesoro indivisibile
che vedo e non vedo ma sento
di quel infinito Amore che ci appartiene e ci possiede
nella nostra assurda e intensa paura di Amare

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Fernando Biondi il 27/03/2009 22:53
    bellissima dedica all'amore, innamorato dell'amore bravissimo, ciao a presto Fernando
  • cesare righi il 27/03/2009 16:38
    non so come, non so il perchè, ma la lotta dura mi sembra fatta per te!
    Tu hai 5st e dici di non essere brigatista? con-ta-le-pun-te
  • Anna G. Mormina il 27/03/2009 11:32
    ... hei, senza saperlo, anche io mi trovo in mezzo a tanti br... AIUTOOOOOOOOOO!!!
  • Anna G. Mormina il 27/03/2009 11:29
    Vincenzo, so benissimo che non sei un brigatista rosso, che non sei innamorato di "madam pipì", ma dell'Amore e di noi tutti... mattacchione!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0