accedi   |   crea nuovo account

il molo

Passeggio sul molo tra fila di lampioni,
ad illuminarmi l’anima dall’oscurità.
Il mio sguardo porta lontano i pensieri:
vedo paesaggi lontani oltre la linea dell’orizzonte,
ascolto il grido dei gabbiani a ricordare l’arrivo del temporale.
Tutto sembra nuovo come vederlo per la prima volta,
sono gli occhi dell’inconscio che guardano al di là,
accantonando per un attimo la sofferenza,
regalando il sorriso dell’indifferenza.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • La Gala il 23/06/2009 16:34
    niente male
  • Anonimo il 04/04/2009 18:06
    Molto bella
  • Ugo Mastrogiovanni il 04/04/2009 14:40
    Bello il contrasto tra la luce dei lampioni e l’oscurità dell’anima, interessante il supporto del linguaggio all’argomento del verso.
  • loretta margherita citarei il 29/03/2009 15:40
    piaciuta
  • Anonimo il 29/03/2009 15:18
    Bellissima... è splendido vedere tutto come la prima volta!!!
  • Anonimo il 28/03/2009 16:13
    Piaciuta.
  • laura cuppone il 28/03/2009 00:17
    se questo è possibile, ben venga...
    a volte fa bene
    il sorriso anonimo...

    adoro i moli
    e il mare sotto la pioggia...


    laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0