accedi   |   crea nuovo account

Solo musica

Immagini sovrapposte
a righe fitte di parole,
una spiaggia
e un contrabbasso

Ho assaporato l’assenza d’attrito dell’anima
contro l’altra
e la carezza
del dolore
della mancanza
di presenza

Qualcosa di strano
nel normale
e di così normale
nell’assurdo

Attendere
attendere sempre
un suono,
un profumo,
uno sguardo,
attendere
e non esser stanchi
fino a non respirare
più

Carezzando corolle
intimidite
con dita esperte
annuso l’aria come fosse un immenso fiore,
avvolgo in un panno
le mie idee di foglia,
mi distendo tra i miei segni ancora freschi
nell’abitudine di farlo da sola,
tamponando il ricordo dell’amaro sapore
delle notti senza sonno,
dei giorni senza cibo

E passo da quelle vetrine scure
disegnate a dovere da chi conosce l’attrattiva dell’occhio
e di come si inganna un’intera iride
con pochi colori
e non mi sento parte della merce in vendita
e non sono il denaro che la compra,
né il corpo che la indossa

E il mio petto stanco
dal respiro pesante
rimpiange i momenti
della buona novella,
di quando
salivo le scale bagnate di pioggia
e l’arte mi aspettava toccandosi i capelli
senza nient’altro che se stesso

E una camera profumata dal volo di un gabbiano
che planava silenzioso sui sospiri d’angelo
guardandoli dall’alto mischiare il blu il rosso
come fossero creature di fiaba

Solo una musica dolce
senza parole…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 06/04/2014 06:33
    (l'assenza d'attrito dell'anima contro l'altra)(avvolgo in un panno
    le mie idee di foglia)(tamponando il ricordo dell'amaro sapore)(un gabbiano che planava silenzioso sui sospiri d'angelo).. autentiche perle.. ammirevole composizione... mi piace.. ciao

17 commenti:

  • laura cuppone il 28/03/2009 18:27
    grazie Fabio, felice che ti piaccia.

    un abbraccio
    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:26
    oltre alla mente, sinuosa e attenta signore, credo che sia il cuore ancor di più il padrone assoluto dei ricordi o comunque della nostalgia..

    grazie infinite sal
    un abbraccio

    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:22
    grazie loretta e Bruno

    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:21
    grazie felice... si quel gabbiano plana...

    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:18
    fierezza... orgoglio... si conoscerti é stato questo anche per me(oltre che dono di Dio)..
    grazie dolce

    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:17
    ange... noi siamo tutt'orecchi... e cuore!
    ti amo anch'io
    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:13
    davide... bingo!!!!

    grazie!
    Laura
  • laura cuppone il 28/03/2009 18:12
    sophie... la musica non si é mai fermata... é stata solo comperta da altri inutili suoni..
    mai si fermerà!

    grazie
    Laura
  • Fabio Mancini il 28/03/2009 17:23
    Amore nostalgico, ma profondo. Piaciuta. Fabio.
  • Anonimo il 28/03/2009 16:00
    il sentirsi soli rattrista l'anima, non vi è posto che possa rallegrarla, solo la felicità che si sviluppa in mente ci rende paghi dell'esistere. ciò che crea la mente non fa capolinea di ricordi perchè l'alito non cela le gocce dietro uno specchio che da rifflesso, il passato si sfuma in lacrime di riccordi che evaporano col tempo. bellissima poesia. un fortissimo abbraccio salva.
  • Anonimo il 28/03/2009 15:52
    Bella.
  • loretta margherita citarei il 28/03/2009 14:51
    bella
  • Felice Serino il 28/03/2009 14:50
    versi suggestivi, penetranti e intensi, di sogno: "gabbiano/che planava silensioso sui sospiri d'angelo...
    complimenti!
    Felice (manrab)
  • Dolce Sorriso il 28/03/2009 11:15
    emozioni sentimenti profondi,
    questa sei tu!!!!
    Ed io fiera di conoscerti e di esserti AMICA.
    Anna
  • Anonimo il 28/03/2009 10:59
    MIo tesoro, leggerti per me è emozione, anche se a volte risvegli in me, ricordi celati, nascosti in un angolino della mia anima vagabonda.
    I tuoi sublimi versi, danzano, perchè le tue parole sono note che vibrano, regalando al mio cuore, immagini e sogni dispersi nella memoria.
    Meravigliosa, come lo sei tu mio amore.
    Sono insieme a te dentro questa musica silenziosa, il nostro modo d'amare è tatuato su ogni singola nota dei nostri versi, e quel petto stanco, quel respiro pesante, narra per noi... Ascoltarlo significa pensare e morire, non ascoltarlo significa non pensare e morire comunque.
    Ti adoro
    Angelica
  • Free Spirit il 28/03/2009 10:58
    L'attesa senza resa
    L'amara carezza del dolore
    Il dolce schiaffo dell'amore
    Qualcosa di strano nel normale
    Soltanto musica senza parole.
    Complimenti Laura a presto
  • Anonimo il 28/03/2009 10:56
    nostalgia... ma piena d'amore... si rinasce con una musica soave... bravissima!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0