PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Crisi per rimorsi

Guarda un'approfittatrice,
le sue bellezze e le tante voglie,
chi non la acconsentirebbe
una cosi' profonda attrice.

Lei chiama teneramente,
aspetti la sera ansioso
per qualch'etto di gentilezza
o un sollievo solamente.

Fine e senz'animo malvagio,
l'istinto schizza sul cervello
perchè desidèri di averla
scorda gli amici, entrambi.

Beata fiducia e estremo dio
per un sentimento bello
ma apprestasti troppo
e misi l'orgoglio negl scambi.

Fu questo di te, stupido,
il più pusillanime degli errori:
dare il primo dono, unico,
ricevuto dai tuoi genitori.

Passerai i mesi a sudare
sui letti a ingoiare ortica.
Quella sara' la tua crisi:
non trovarci più l'amica.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 12/06/2011 00:09
    Insomma il senso l'hai dato. E non sei solo in questo viaggio!
  • giuliano paolini il 29/03/2009 09:41
    gli uomini si nutrono dell'energia degli altri uomini
    inconsapevolmente o con cognizione, ma siamo macchine che necessitano di carburante ed ognuno è alla ricerca del suo pieno per poter reggere un giorno un mese o una vita ancora.
    quando avrai compreso non sarai troppo severo con chi si è fermato alla tua pompa
    magari senza voglia e si sarà pure scordato di pagare e neppure di ringraziare.
    forse a volte fai tu lo stesso con altre aree di sosta.
    un sincero bacio e un uovo tutto intarsiato di nocciole sminuzzate delle langhe.
  • loretta margherita citarei il 29/03/2009 05:51
    mi piace

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0