PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

onirico viaggio d'amore

Siedo sulla panchina
della stazione,
in attesa di salire
sul treno dei desideri.
Leggero il bagaglio
che appresso mi porto:
una valigia
piena di vissuto sofferto,
di sogni, di speranza,
d’illusioni buttate alla rinfusa.
E nel beauty-case,
il cuore ferito.
Quando giungerà il treno,
salirò a bordo,
siederò nella carrozza dell’amore
sognando di te, uomo mio,
che ancor forma non hai
se non nella mia mente.
Viaggerò di stazione in stazione,
come Psiche che cerca il suo amato.
Scenderò solo quando,
tra mille e mille volti,
t’avrò riconosciuto,
cingerò le braccia al tuo collo
e ti darò un bacio infinito.
Per il momento,
siedo sulla panchina
della stazione,
sola, anima vagabonda
in cerca d’amore.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Marcello Caloro il 29/03/2009 13:36
    Si attende un treno; viaggio di speranza che diviene certezza: note positive nella capacità di saper riconoscere ciò che si cerca, nell'attimo in cui appare. Mooolto bella. Ciaociao.
  • lucia cecconello il 28/03/2009 22:41
    Piaciuta... bella, ciao
  • Donato Delfin8 il 28/03/2009 22:35
    molto bella
  • Vincenzo Capitanucci il 28/03/2009 22:31
    Piu leggero è il bagaglio... meglio si viaggia...
    Meravigliosa Loretta... il treno dei desideri volando va... e se segue i binari dell'Anima... termina inevitabilmente... in un bacio infinito...
    Quasi Ti vedo seduta su quella banchina... con un sguardo accorto... e sveglio... con un sorriso... celato... invisibile...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0