PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

pasquina cià quarcosa da dì su a social card

L’andra sera in televisione,
ce stia a trasmissione
“me manna rai tre”
che cerca de risorve e questioni
de quelli gabbati dall’imbruglioni.
Ce stia, che pena, na vecchietta
e se lamentava de a social-card,
quilli quaranta euri dati ar mese
che je serveno pe pagà e spese
ed era tutta addulurata
perché stà carta né stata mai,
dar governo ricaricata
cusci è armasta mortificata,
quanno a tessera ar mercato nun è passata.
Nun ce vojo fa commenti,
se no me drigneno li denti.
Ma so incazzata e pijo foco,
quanno er tg poco dopo,
dice che tre milioni d’euri è costato
er matrimonio de Fini e Berlusconi
e che quilli sordi so dell’elettorato,
quer riborso programmato
che spetta alli partiti dopo l’elezioni.
Me par d’esse artonata
a li tempi de a rivoluzione francese,
quanno er re nun badava a spese
e Maria Antonietta ar popolo
che cia fame,
je dicia de magnà e briosce a posto der pane.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 30/03/2009 00:46
    e magnamone sto fantasma de briosce... con la nostra testa decapitata... che ancora nel cesto ride... di come la prendono... o l'appendono... in giro...

    Ti nomineremo Pasquina... er vento... de resurrection...
  • Donato Delfin8 il 29/03/2009 22:14
    Fantastica "pasquina"
  • Marcello Caloro il 29/03/2009 22:09
    Quanto sono lieto tu sia capace di queste denunce! Dove si firma? Sottoscrivo. N.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0