accedi   |   crea nuovo account

Scure nubi sull’orizzonte sul Pa-da-no

Vedo un orizzonte dal muro nero
con una crepa di muffa verde

Un manganello ed una croce uniti
alleati ancora una volta

Devo rileggermi il Principe e la Bibbia se voglio diventare un nuovo milionario

Mentre continuo ostinatamente a leggere una stagione in inferno e i canti di Mal

d’aurora

di quel Isidoro Ducasse in una voglia di spaccare la notte dal Tutto buio

Nulla dovrò bermi ancora una volta un bicchiere di vino rosso estinto in un bicchiere di cristallo dal profondo sapore di aceto non ben accetto

Guardo il cielo la dea Iside mi farà il dono di una bella luna nuova in un racconto dell‘altro mondo!!!!

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna G. Mormina il 30/03/2009 16:07
    ... i 'piccoli uomini', non riceveranno ne una nuova luna ne un racconto del nuovo mondo... molto bella!
  • Marcelllo Barbuscio il 30/03/2009 13:48
    Sporca politica.. col vestito buono e falsamente intrigante. Come dice un personaggio televisivo, in una fiction, CHE AMAREZZA!!
  • Anonimo il 30/03/2009 08:59
    .. non so se la prima volta fu una fatalita'.. ora e' una beffa..
    e sale una nausea.. che ti far sta male... si sta dipingendo un quadro
    con una P E UN 2...
    bravo Vincenzo
    Aurora
  • Fabio Mancini il 30/03/2009 08:32
    Bravissimo! Ciao, Fabio.
  • Donato Delfin8 il 30/03/2009 06:31
    Si?
    Bella Vincè
  • loretta margherita citarei il 30/03/2009 04:54
    più che il principe, il fine giustifica i mezzi, bellisimo sarebbe rileggere il piccolo principe

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0