accedi   |   crea nuovo account

la vera ricchezza (maggio 2007)

Mio amore,
lo smeraldo più prezioso
non può competere
con la bellezza dei tuoi occhi,
né le perle più rare
splendono come il tuo sorriso
e l’intensità del tuo cuore
vale più dell’oro del mondo.
Tu esisti, altro non chiede alla vita.
Per questi intensi attimi d’amore
che mi doni,
mi fai sentire la donna
più ricca del mondo.
Per me amarti,
è come avere un magnifico diadema
che nessuna regina possiede.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Riccardo Brumana il 04/04/2009 12:36
    una poesia bellissima, le metafore ispirate segno di sentimento vissuto sulla pelle esprimono in modo efficace e diretto il tuo sentire.
    e come dici, si vive quando si ama e si sente amati...
    complimenti Loretta, è veramente bella!

    lascialo perdere Fabio Mancini, lui non è mai obbiettivo,
    commenta in base alla simpatia che ha nell'autore, se poi son donne da il "meglio" di se.
  • Fabio Mancini il 01/04/2009 10:25
    Forse hai ragione, non lo so. Tu sai ogni cosa. Ma nella tua risposta, di quel "punto e basta" che non ammette" osservazioni, o critiche, forse c'è il motivo di tanti perché. Personalmente se la mia donna che mi risponderebbe così, la lascerei dopo il primo giorno di matrimonio. Tieniti le tue "convinzioni", la tua "cultura", le tue "alte" esperienze professionali, forse non hai bisogno nemmeno di chi commenta le tue opere. Da adesso te le puoi commentare da sola. L'Olimpo è pieno di dee sconsolate e solitarie che piangono sui propri mali.
  • loretta margherita citarei il 01/04/2009 09:33
    era un uomo molto bello, la bellezza non ha sesso, risposta. punto e basta
  • Fabio Mancini il 01/04/2009 07:31
    Qualche virgola in più, non sarebbe guastata. Il lettore attraverso la punteggiatura, deve capire quando fermarsi a respirare e quando no. Al nono verso c'è un errore: se nel testo, usi la prima persona singolare, cioè l'io, avresti dovuto scrivere: Tu esisti, altro (io sottinteso) non chiedo alla vita. Inoltre, alcune metafore che hai usato, quali: lo smeraldo per indicare la bellezza dei suoi occhi e le perle per paradigmare il suo sorriso, mi sembrano metafore più indicate a descrivere la bellezza di una donna e non piuttosto la descrizione della bellezza maschile che forse è leggermente diversa da quella femminile. Tu non ti eri mai accorta che l'uomo è più mascolino della donna? Fortunatamente la composizione risale a due anni fa e le nuove poesie sono decisamente migliori, vedi "Pino 'o muratore" e "Il vecchietto arrapato". Comunque sia, sei sempre una delle mie autrici preferite. Ciao, Fabio.
  • Donato Delfin8 il 01/04/2009 04:38
    Bella dichiarazione d'amore.
    Si la vera ricchezza ma a volte non viene apprezzata
    Brava
  • Anonimo il 01/04/2009 04:37
    bella... preziosa...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0