PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pensando a Rousseau e Verga

Sotto una cascata di Luce
mettendomi a nudo
fra le liane della mia intricata giungla
ritrovo me stesso

il buon selvaggio

nell’atmosfera d’un pre-romantico verismo d’un inutile disadattato bistrattato concreto bambino

rosso di pelle
volo in una triste lacrimevole corporea capinera

ancora mal pelo la patata bollente d’un caldo sincero infinito Amore!!!!

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • gian paolo ciceri il 01/04/2009 19:05
    oh là - questo è parlare! e non aver paura di prendere maestri ad esplicita ispirazione. bravo! sia chiaro, poce cose mi sono aliene come questa poetica, ma cavolo - finalmente del coraggio, almeno culturale. mi è proprio piaciuta.
  • aleks nightmare il 01/04/2009 15:19
    SEI SEMPRE IL CAPO!
  • Anonimo il 01/04/2009 14:44
    Si, avevo quasi da subito cominciato a pensare al Rosso Malpelo... mi ha colpita, e la metto nei preferiti, perchè poi torno a rileggerla!!! Ciao
  • Anna G. Mormina il 01/04/2009 13:55
    ... troverai quel 'sincero infinito Amore!!!!', e non sarà una capinera... molto bella!
  • Anonimo il 01/04/2009 11:49
    Piaciuta
    Ciao
    Lara
  • tanya belletti il 01/04/2009 10:03
    Bravo vincy!
    Ciao a presto!!
  • Donato Delfin8 il 01/04/2009 09:41
    bella Vincè
  • Anonimo il 01/04/2009 09:36
    ... bella Vincenzo..
  • loretta margherita citarei il 01/04/2009 09:26
    l'importante è non avere la rassegnazione del ciclo dei vinti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0