accedi   |   crea nuovo account

On the Rail

Sa da dove è partito,
sa la sua destinazione.

l’incessante metronomo,
il paesaggio, mai si ripete.

Il prima alle spalle, lascia
quel che vedrà, attende.
nel mezzo solo il nulla,
l’attesa costante.

Alla stazione lo saluterà,
gli dirà addio, l’ieri!

Salirà impervie montagne,
costeggerà ridenti coste.

Agli snodi dovrà sceglier,
un binario, uno solo!
“Non pensare oh treno mio
Che non potrai tornare! ”.

Subisce adesso la pioggia,
che trasuda all’interno.

E così, progressivamente,
la ruggine lo consumerà.

In questa attesa
tra acuti aneliti di vapore
e sordi cigolii metallici,
procedi, va a destinazione!.

2001 (da “Senza Timone”)

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Assunta Baldi il 26/12/2011 08:29
    un modo diverso, originale per esprimere l'incredibile viaggio.
    Dall'allegro sbuffare alla partenza ai cigolii dell'arrivo. Non lo direi una vuota attesa ma un guardare dal finestrino e fare nostro tutto quello che si incontra viaggiando.

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 02/04/2009 23:52
    Bellissima Aldo... un solo binario... va a destinazione...

    L'attesa costante...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0