username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'amore obbligato

A tutte voi
che silenziose
come ombre
senza forma
respirate l’infamia
della sottomissione…
A tutte voi
che nulla vi è dato
e nulla è concesso
ai vostri pensieri…,
che serrate
nell’anima il dolore,
che prigioniere
imposte al piacere
sognate un gesto d’amore..
volge il mio dolente stupore
per oltraggi legalizzati,
per usanze tribali,
per l’intimità
che non vi appartiene…
A tutte voi
donne all’amore obbligato
il mondo della giustizia,
un giorno spero vicino,
parlerà di un Dio feroce e sprezzante
che disconoscerà quell’uomo
e il dominio suo arrogante.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • augusto villa il 23/05/2009 22:07
    Una bella poesia... civile... e profonda!!!
    Piaciuta!
  • francesco ganci il 04/04/2009 15:53
    Bella e forte da scuotere le coscienze, se potesse bastare una poesia... Sono con te. Cosimo
  • Rik Forsenna il 04/04/2009 14:41
    forte e sentita...
  • tanya belletti il 03/04/2009 21:23
    apprezzata
    Brava!!
  • laura cuppone il 03/04/2009 19:12
    si può esprimere tristezza
    sentendo un senso innato di solidarietà vera
    interiore
    uterina quasi
    per altre donne
    ... condannate prima di nascere a certe condizioni..
    il rispetto per il corpo e l'anima degli altri..
    il rispetto.. ecco..
    in qualsiasi religione, cultura... stato..
    quello sarebbe una legge universale.. per chiunque...

    d'altronde non stiamo violentando e sventrando anche la nostra madre terra per prima?

    dal piccolo al grande
    si deve rispetto anche all'insignificante...

    sono vicina a quelle donne con te e credo con tutto il sito... accettare gli altri é fondamentale... rispettarli indispensabile.

    un bacio mirella
    Laura
  • Rosy Rosalba Piras il 03/04/2009 19:03
    bravissima, sono pienamente d'accordo con te!
    ti saluto
  • Anonimo il 03/04/2009 18:44
    quello che volevo dire è già stato scritto da fabio Mancini, non dovendo aggiungere altro, mi associo alsuo commento.
    A parte questo, poesia scritta bene
  • Anonimo il 03/04/2009 18:35
    Piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 03/04/2009 15:35
    bella, hai toccato un tasto difficile, ma il messaggio non è esteso solo a delle culture particolari, ma anche a tante donne soffocate nella loro libertà personale, purtroppo universale
  • Fabio Mancini il 03/04/2009 13:58
    Difficile "imporre" una diversa cultura, rispetto a quella tramandata dalle generazioni precedenti. Io (uomo, o donna che sia) vedrei più il Male in ciò che mi viene imposto, piuttosto quello che mi è stato insegnato dai padri dei padri. Ciò che noi popoli "evoluti" dovremmo comprendere è il rispetto e le ragioni degli altri, piuttosto che andare a fare le crociate per la libertà di pensiero. Esprimo un paradosso: non si può parlare di filosofia, con chi sa appena leggere e scrivere. Vedi il discorso sui profilattici del Papa, rivolto verso i Paesi africani. Comprì? Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 03/04/2009 13:43
    Poesia di ribellione!
    Brava!
    Ciao
    Contessa Lara
  • Anonimo il 03/04/2009 13:40
    .. brava Mariella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0