accedi   |   crea nuovo account

a Luisa

Sempre di te serberò
il ricordo, di quando,
pur essendo luglio infuocato,
con il vestito lungo
camminavi fra le onde del mare,
con i raccolti capelli,
come la Hephrum sul lago dorato.
Mia dolcissima, amica-sorella,
che con me condividi
il regno degli scogli,
nostra preferita meta marina
per condividere intimi segreti,
ridere le stesse risa,
piangere lo stesso dolore.
Di te, ho velata malinconia,
quando, in mezzo alle onde,
fissava il tuo sguardo l’orizzonte
e comprendeva l’anima mia,
che pur se hai chiuso
all’uomo il tuo cuore,
eri, sei, sarai Penelope
che ancora attende
il suo Ulisse lontano.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Dolce Sorriso il 04/04/2009 21:38
    wow che dire
    bellaaaaa
  • K. Lear il 04/04/2009 18:50
    fantastica..
    La giovinezza, nonostante la sua grande bellezza, cerca sempre la sua completezza. Purtroppo, fatalmente, questa può non arrivare.. Il periodo più bello della nostra vita resta comunque irresistibilmente il ritratto più autentico di noi stessi
  • Domenico Montaleone il 04/04/2009 16:59
    Bellissima!
  • tanya belletti il 04/04/2009 09:27
    Bella!
  • Vincenzo Capitanucci il 04/04/2009 09:10
    Sirene... Ulisse in pericolo...

    Molto bella... anche il lago dorato...
  • Donato Delfin8 il 04/04/2009 07:23
    molto bella.
  • Anonimo il 03/04/2009 23:32
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0