accedi   |   crea nuovo account

ahi la freccia

corro tra impronte di altri
e passeggio
nei marciapiedi dei mozziconi
e cartine rimaste
con indecente orgoglio
arrotolo come frecce le parole
le tiro lontano
e poi aspetto
adesso capisco lo strano dolore nel sedere
chi è lo stronzo che me le ha rispedite?

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • lucia cecconello il 05/04/2009 12:51
    Bella, ciao Giuliano
  • Donato Delfin8 il 05/04/2009 09:27
    Piaciuta
  • loretta margherita citarei il 05/04/2009 06:32
    ironica, ma si raccoglie quello che si semina
  • Riccardo Brumana il 05/04/2009 01:00
    la prossima volta invece delle frecce prova a lanciare fiori...
    e avrai il sedere salvo che poggia sul morbido.
  • Vincenzo Capitanucci il 05/04/2009 00:46
    Boomerang... un ottima filosofia di vita... di un popolo meraviglioso... nell'Alba sognante della nostra civiltà...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0