accedi   |   crea nuovo account

i tuoi occhi

Triste era il tuo sguardo,
Spento, toccava il vuoto
I tuoi occhi erano diventati trasparenti
Come cocci di vetri spezzati
E raccoglierli potevano ferire
Ma il mare li trovò
E ruppe sulla battigia
Levigandoli tra le onde
E mi portò a sé
Perché potessi raccoglierli senza ferirmi
Così cercai quegli occhi,
Quei vetri spezzati e levigati
E raccolsi quello sguardo che fuggì
Dalla sua trasparenza
Perché l’anima potesse tornare
Alla sua opalescenza
Perché nulla al di là si potesse vedere

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/08/2013 04:49
    apprezzata... complimenti..

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0