PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non il destino

Non incolpate Dio
le nostre colpe non hanno attenuanti
piangete sugli orrori della terra
non sulle ingiustizie dei Cieli
nella Sua infinita saggezza
nacque l’uomo
ed il Suo dono più bello fu
il nostro libero arbitrio

è nella nostra similitudine con Lui
la gioia di una speranza futura
perché l’amore è quella luce divina
specchio delle nostre anime
dove futuro e passato non hanno più consistenza
sarà solo il presente ad esser forgiato
dall’Uomo che avrà la coscienza
della sua vera essenza
come particella di Dio

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Francesca La Torre il 27/12/2009 21:17
    bella abbiamo bisogno tutti di parole pure per respirare un po' d'aria buona.
  • Donato Delfin8 il 13/04/2009 19:40
    bellissima
  • loretta margherita citarei il 09/04/2009 21:30
    bravissimo
  • Anonimo il 09/04/2009 14:34
    Vero, ognuno e' consapevole delle sue scelte di vita.
  • Anonimo il 09/04/2009 13:52
    proprio bella complimenti
  • Anonimo il 09/04/2009 11:24
    Bellissima Cesare, un piccolo gioiello di verità.
  • Anonimo il 09/04/2009 09:51
    pienamente d'accordo, è l'uomo responsabile delle sue azioni, e finchè scaricherà la colpa di ogni sofferenza, di ogni ingiustizia, rimarrà solo uno spettatore di uno spettacolo deludente che pretende di essere risarcito del biglietto.
    molto bella
  • Vincenzo Capitanucci il 09/04/2009 09:06
    Bellissima Cesare... particelle di Dio...

    Siamo responsabili di tutti gli orrori... un libero arbitrio... mal usato... per fortuna abbiamo predestinati i suoi geni di Luce... la nostra salvezza...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0