accedi   |   crea nuovo account

mamma

Ci sono vari amori che distinguono la vita di un essere mano
uno di questi è verso la propria MADRE.

Ti osservo avvolta nello scialle di raso,
altezzosa come una contessa osservando tutto di tutti.
Vedo il tuo viso segnato dal tempo,
cercando nel profondo di ricordare un tuo abbraccio,
un tuo sorriso.
Nulla riaffiora dalla mente mentre mi abbandono al tormento, solo
un bimbo che piange gridando il tuo nome,
un grigio cancello, una toga nera.
Tanta soitudine racchiude quel cuoricino da bambino,
dispiacere sulla dolce sorellina dal vestito colore del mare.
Rancori che tormentano l'anima ormai diventata sterile.
Piangono nella grande camerata, sognando orsacchiotti e abbracci.
i cocccolano stringendosi nel piccololettino,
temendo in una separazione mai avvenuta.
Sono fortunati i due fratellini,
insieme come faccia di unica medaglia;
come un bimbo con la mamma.
Inseparabili forti.
Tu
balli e non vuoi colpe anzi,
vuoi aiuto e comprensione ma,
dov'eri quando eravamo in pericolo?
quando abbiamo dovuto crescere in corpi ancora acerbi?
dov'eri quando stretta al bambino dovevo raccontargli stirielle,
asciugandogli picccole lacrime!
Quando ci hanno fatto Male!
TU DOV'ERI?
Tanti anni sono trascorsi e tu sei capace di dare solo problemi,
sei egoista e non riesci ad amare che te stessa;
chiedi comprensione dove oramai c'è solo tormento.
Credo che, essere madre dovrebbe essere come un'alcova per un cuore spezzato,
un rifugio dopo la bufera,
l'arrivo alla fine di un labirinto.
Dare la vita è un gesto d'amore, di dolcezza e completezza.
Tu hai dato dolore, tristezza e tanta solitudine.
Dicono che il tempo guarisca le ferite ma,
mi addormento e una lacrima mi riga il viso.
Per questo non posso perdonarti Mamma

Si

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • michela bortolotti il 29/04/2009 12:18
    cara rainalda, sono già mamma e ho imparato a mie spese che è meglio non avere una madre così. spero di essere migliore.
  • Donato Delfin8 il 13/04/2009 20:04
    piaciuta
  • loretta margherita citarei il 09/04/2009 21:22
    mi piace
  • rainalda torresini il 09/04/2009 15:02
    Quanta amarezza nel tuo cuore. Se queste parole ti apppartengono, spera in un tuo futuro di madre consapevole. ricordati che la sofferenza è grande, ma meglio stare soli che accanto a due genitori che non ti amano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0