PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La terra scuote

Bastarono pochi attimi
per cancellare il passato.
Bastarono pochi attimi per sprofondare
sotto la propria stessa casa.
Secondi per capire che tutto sarebbe andato perso.
Piedi nudi, nel freddo della notte,
passi stanchi di gente vuota negli occhi,
Tremore di mani per la famiglia che non troverai mai più,
o forse giace già inerme sotto pietre e ricordi.
Bambini senza vita riapparire alla luce,
e madri senza più voce correre lontano.
È bastato poco per cancellare vite,
sogni, sacrifici di chi aveva solo i mattoni di una casa.
E la terra trema, e non smette di tremare,
finge di esser santa e intanto è carnefice spietata.
Finge di fiorire e appassisce tutto al solo movimento.
Bastarono pochi attimi per rendere
tutto insensato,
un incubo oscuro, freddo,
come la notte della tragedia.
E non ci furono più grida, la voce manca,
le braccia stanche,
il sudore di chi non si arrende,
e scava, riporta alla luce,
tenta di guarire e cuce.
Non ci furono più palazzi, cancelli, cibo e sorrisi,
la terra scuote non fa caso ai nostri visi.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 09/04/2009 22:40
    Piaciuta.
  • antonio castaldo il 09/04/2009 22:35
    molto sofferta... e molto bella. bravissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0