PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Terremoto

A cosa pensi mentre la terra trema
Pensi alla tua vita che potrebbe fermarsi

Pensi alla furia che ti sovrasta
Pensi a te stesso
Pensi ai parenti

Non pensare che resterai solo
Pensa che c’è gente che a te sta pensando
Pensa che c’è gente che ti sta salvando

Angeli in divisa che lo fanno per mestiere
Angeli veloci che rispondono al dovere

Il dovere che li spinge a salvare una vita
Il dovere che li sprona a curare una ferita

La furia della terra sempre imprevedibile
Ci rende ancor più piccoli
Ed ancor più inermi

Inermi di fronte a quel fragore
Che di sorpresa ci ha colto

E tutto trema
Tutto…tutto…trema

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Giusy il 20/11/2011 16:00
    Angeli veloci che rispondono al dovere... che bella
  • Gabriele Sancarlo il 26/07/2011 16:37
    posso capire cosa intendi con "prima" e "dopo" il terremoto, come se il tempo si sia fermato e tutto sia poi ripartito dopo la tragedia.
  • Anonimo il 26/07/2011 16:23
    E. C. L'emoticon non l'ho messo io. Al suo posto c'è rima
  • Anonimo il 26/07/2011 16:19
    Mi hai fatto rivivere quello che ho vissuto il 23/11/1980 e che ho cercato sempre di rimuovere. Io sono irpina e il mio paese è stato completamente distrutto dal terremoto. Sono viva per miracolo e in quei momenti pensavo a mia madre e mio fratello malato di distrofia muscolare... che non poteva scappare. mentre io potevo farlo. Tutto trema e tutto crolla, tutto cambia da quel momento. Da noi adesso si dicerima e dopo il terremoto, come A. C e D. C. Grazie per la tua sensibilità!
  • Gabriele Sancarlo il 23/10/2010 13:49
    grazie Elisa
  • ELISA DURANTE il 22/10/2010 09:09
    Sensazioni primitive, terrore e istinto di sopravvivenza, per chi si sente inghiottito, tradito da Madre Terra; occasione di solidarietà, di comprensione e generosità, per chi, in quel momento, era al sicuro altrove.
  • Gabriele Sancarlo il 11/04/2009 11:46
    sono rimasto tremendamente colpito da quello che è successo pur vivendo in Sicilia..
    ma come si fa a essere indifferenti di fronte a tutto questo mi chiedo...

    Grazie per i vostri commenti...
    Qualche suggerimento per miglorarla?
    Devo cambiare qualcosa?
    saluti da Ga.
  • Cinzia Gargiulo il 10/04/2009 22:58
    Pensi che dinanzi a certe cose sei impotente e la paura ti divora dentro.
    Questo pensai io quando da adolescente ho vissuto il terremoto dell'Irpinia, allora vivevo a Napoli... sensazioni tremende che non si dimenticano più.
    La terra trema per dei secondi che sembrano interminabili, sono attimi di devastazione e morte...
    Una poesia per essere vicini a chi ancora una volta sta vivendo un dramma immenso.
    Ciao.
  • loretta margherita citarei il 10/04/2009 20:02
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0