PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Paura...

A te, rivolgo ora il mio pianto
gigante addormentato sopra il corno,
un tremolio scuote il tuo sonno
grida e lamenti ora ti giunge
il sibilo della morte veste l’alba,
nelle sere d’aprile, più non s’adorna
della tua bellezza il cielo,
piangi, con gli uomini nella valle
sceso è tra di noi un velo, quasi,
a non mostrarmi quel dolore,
par lontano … è gia dentro il cuore,
nel petto avanza la paura
lo scricchiolio del muro … la mia dimora,
sento la vita fuggire e far ritorno
per dialogar con te montagna cara,
ti chiedo, ferma il tremare della terra
ma so, che fare questo tu non poi
e la mia preghiera al cielo sale
il Signore ascolterà i figli suoi.

----------------------

Trema la terra, grande rumore,
auguri di pace, forza d’amore,

Buona Pasqua a te e famiglia
Tanà.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0