accedi   |   crea nuovo account

la poesia infinta continua...

... oggi
sono felice e si sente
perché con te tutto normale diventa
non vi è dramma nemmeno nel dramma

come è giusto che sia
il mondo lo sai non è
buono o cattivo

non regala e non toglie a nessuno
ma siamo noi ad avere quello che siamo
tu sei tu ed hai il bello di tutto

io sono io
e per questo ho avuto il tuo cuore
e qui nuovamente la rima è il tuo amore

ma lascia che banale continui ad essere questa "mia"
ma è solo per te
quindi voi potete anche andar via

ma se restate e più non rammentate
son qui a narrare la vita
di me e dell’amor mio

Catia è il suo nome
la dolcezza già si evince
dalla mancanza della K

che duro e guardingo
è dato alle katie
di duro cipiglio

la mia è dolce e aperta al sorriso
sincera e bugiarda quel tanto che basta
è tutto ciò ha cambiato il mio cuore

non più in bianco e nero
ho visto le albe e i tramonti
ma milioni i colori

colorato i miei passi
aperto i pensieri
e trasformato il mio umore

quando sono con lei
bello divento
canto e sono contento

ti scruto cercando problemi

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Anonimo il 18/02/2014 23:23
    Quasi una lezione di linguistica che sarebbe passata inosservata se qui non ci fossi stato io a ricordarla. E si, carissimo, la K è una consonante dura e di origine Longobarda. Non esiste in latino la parola K ma la parola qui, quo, qua ed in italiano la parola C. Veramente carina questa precisazione che in fondo rende piacevole l'approccio alla lettura di una poesia che non vuole avere delle grandi pretese, ma parla di amore!
  • cesare righi il 02/02/2010 21:51
    forse non hai capito nulla... e dico forse...
  • Anonimo il 02/02/2010 20:48
    sì, forse è meglio che vado via...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/04/2009 04:58
    Bravo Cesare... con un po' di ritardo... ma sono arrivato... al nostro appuntamento... d'infinito...

    al tuo milione di colori arcobaleno... senza tempo...
  • loretta margherita citarei il 14/04/2009 21:05
    sorbole, che bravo che sei
  • Fabio Mancini il 14/04/2009 20:47
    Una sincera dichiarazione d'amore. Ragazzo, potresti essere assai ambito dalle donne, troppo vero, troppo sincero. I giovani uomini, sono fatti con materiali scadenti, i tuoi invece, sono durevoli e sei ben assemblato. Complimenti. Ciao, Fabio.
  • eugenio maiolo il 14/04/2009 20:01
    amore che viene, amore che vai. ti auguro di continuare a provare le emozioni che hai tentato di spiegare. che bello, esiste una Catia senza K...
  • Anonimo il 14/04/2009 19:37
    Che dolcezza ed armonia. Stupenda.
  • Marcello Caloro il 14/04/2009 19:16
    Si, si: continua... Ciao.
  • Anonimo il 14/04/2009 18:17
    Cinque Stelle e vai al Massimo Cesare.
  • Anonimo il 14/04/2009 17:27
    Dolcissima...
  • francesco ganci il 14/04/2009 17:18
    Complimenti Cesare, è di una bellezza sconvolgente, delicata e sincera, un canto d'amore sommesso eppure potente... Bravo.
  • Anonimo il 14/04/2009 17:15
    Meravigliosa... senza parole!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0