accedi   |   crea nuovo account

Per un sorriso

Improvviso come temporale d’agosto
l’anima si oscura,
all’orizzonte cumuli neri si addensano,
forieri di piogge torrenziali
che presto invaderanno il mio essere;

sento vicino un battito di cuore,
ma non è il mio, non mi appartiene,
suoni ovattati in lontananza
sussurrano un nome,
ma non è il mio, non mi appartiene;

fermo il respiro,
la ricerca di un bagliore diviene spasmodica,
uno spiraglio di luce,
un lampo e poi il tuono:
tutto scuote il mio di essere uomo e divenire;

naufrago in un mare in tempesta
cerco disperatamente un relitto
dove poter riposare e pensare,
inutile la mia richiesta d’aiuto,
immagini umane come fantasmi;

tutto l’intorno scompare,
nulla rimane
i ricordi passati, il presente e il futuro,
son questi i momenti più duri
quando donerei la mia vita per avere un sorriso.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 02/02/2010 20:45
    mediocre; hai rovinato un buon inizio
  • Donato Delfin8 il 16/04/2009 13:45
    Bella
  • Vincenzo Capitanucci il 15/04/2009 16:42
    Un eclissi... un precipitare in un abisso... di se stessi... in una terra di nessuno...

    Molto particolare Cesare... bellissima... potersi aggrapparsi... ad un sorriso... ad uno spiraglio di luce... quando tutto si oscura...
  • Anonimo il 15/04/2009 16:35
    Bella.
  • Anonimo il 15/04/2009 15:10
    Piaciuta molto.
  • Dolce Sorriso il 15/04/2009 14:03
    bella
    piaciuta molto
    ciao
  • Anonimo il 15/04/2009 12:49
    Che bella!!! Dimistrazione della forza di un'amicizia!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0