PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

la tomba del vivente

Maria di Magdala si recò al sepolcro di buon mattino,
quand’era ancora buio, e vide che la pietra
era stata ribaltata dal sepolcro
(Gv 20, 1)

Pietra tombale davanti al cuore
masso informe che oscura la fede
e non permette di cantare vittoria
per la sconfitta della morte.

Eppure il sepolcro è vuoto e io
continuo a piangere senza speranza;
talmente la morte è conficcata
nella mia natura, che la porto nel cuore.

Non spero la vita, conosco solo il dolore;
fuggo lontano dai sepolcri sigillati
e mi trovo a vagare in mezzo ad essi.
Tutti sono morti, ben dentro la tomba.

Sepolcri imbiancati, giardino dei morti,
tombe monumentali che contengono
i cadaveri di quelli che non sono più amati
oltre la barriera della morte.

Eppure la tomba di Cristo è vuota,
spalancata dalla forza dirompente
della vita che nessuna fossa
può trattenere nella fredda terra.

E Gesù risorge dalla morte per me,
abbatte i muri della mia disperazione,
infrange il cuore sigillao, apre all’uomo
un nuovo orizzonte di eternità.

Ora mi sento amato da Dio
di un amore che attraversa il sepolcro
per entrare dentro di me, facendomi
rialzare dalla prostrazione mortale.

È l’amore che rimuove la pietra,
l’amore che trasforma il cuore;
è l’amore che vince la morte,
l’amore che mi fa finalmente amare.

Da questo saprò che sono vivo per sempre:
se porto in me la radice dell’amore;
Cristo risorto abbatte i muri,
rotola via con forza l’inutile masso

perché ormai la tomba è vuota
ed ha riempito il mio cuore
della luce sfolgorante dell’amore
che risuscita i morti Alleluia!

12, iv, 2009

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anna G. Mormina il 24/05/2009 17:42
    ... mi complimento con padre Benedetto per la bella poesia!
    Anna
  • Vincenzo Capitanucci il 17/04/2009 07:42
    Bellissima Padre Benedetto... in Cristo... una resurrezione dei Cuori... accarezzata nella luce... dai teneri occhi di Maria di Magdala...
  • Fabrizio Martello il 16/04/2009 15:58
    Se tutti potessimo avere la certezza della tua fede...
  • Donato Delfin8 il 16/04/2009 13:56
    Bellissima poesia d'amore per la vita e di speranza!
    Grazie
  • Annamaria Ribuk il 16/04/2009 12:43
    Grazie... l’amore che trasforma il cuore, l’amore che vince la morte,
    l’amore che mi fa finalmente amare... non mi serve altro... Ann!
  • Anonimo il 16/04/2009 12:41
    Pensa che io, da molti anni ormai, son molto più sicuro della Resurrezione di Gesù di quello che mi sta attorno. Potrei scordare qualsiasi cosa Tranne che il Signore è risorto.
  • mariella mulas il 16/04/2009 09:57
    Accolgo e condivido il messaggio religioso che i Tuoi Versi vogliono innanzitutto esprimere... L'Amore, nel suo significato più completo, unico obiettivo divino e umano... Quell'Amore sempre maltrattato, a volte soffocato e lasciato sottomesso a vile delirio. Sì, la pietra che imprigiona l'animo e che non permette che la Luce d'Amore si espanda libera di Fede, libera di trasmettere Valori... Ma Cristo risorge per noi ed è Amore... ecco perchè la Speranza non muore mai!
    Grazie Padre... la Poesia è anche strumento per esteriorizzare in parole la Fede che a volte pare sopita o confusa dai desideri terreni.
    Un caro saluto. Mariella.
  • laura cuppone il 16/04/2009 00:28
    grazie a te.. Arcansiel...
    (scusa per come ho scritto il tuo nome prima)

    ciao

    Laura
  • Anonimo il 16/04/2009 00:15
    Cara Laura hai ragione, non mi permetto di criticare l'opera ma la visione di chi la scrive, sempre restando nel pieno rispetto per le persone. Un uomo che si professa padre (e qui potremmo disquisire per anni...) non è un uomo libero, dove libero si intende incondizionato. Ripeto: potremmo andare avanti per anni. D'altra parte nel mio commento ho premesso "Belle parole", se avessi avuto altre intenzioni avrei cambiato esordio. Con stima per te e con fiducia per il monaco (non padre).
  • laura cuppone il 15/04/2009 23:43
    padre Benedetto, fratello..
    é stato bello leggerla e sottolineare l'aspetto più importante... il significato della fede...

    Arcaisel.. scusa se mi intrometto... é vero che questo é un sito di poesia..
    a volte la preghiera lo é, indipendentemente da chi la recita e per cosa...

    non si prega forse l'amato d'essere amati? di vivere per sempre in un nome, un profumo, un tramonto?
    ecco...
    forse parlare di quest'Amore é anche poesia... può esserlo...

    l'Amore non ha forse molte forme?

    con stima per entrambi
    Laura
  • Anonimo il 15/04/2009 23:21
    Belle parole... ma la sua, mi perdoni, è una visione partigiana... nella poesia è bello volare di fantasia, inserire misteri, sciogliere dubbi, volare più in alto per poi toccare il fondo con profonde tristezze. Fingere, inventare e lasciarsi trasportare...
    Personalmente preferisco pensare alla Maddalena come vera unica donna che abbia conosciuto veramente Gesù (e non Dio). Un saluto.
    Arcansiel (messaggero...)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0