accedi   |   crea nuovo account

demoni e fate

Tra i pascoli ampi,
tra colline nevose,
l’ eco si svela di un mistero
che è solito mutare ogni cosa.
Ma vi son luoghi asciutti,
screpolati dai torti,
su cui regna, desolato, un silenzio;
è il funerario ossequio
ai figli rimasti, tra i vinti.
Ristora le mie seti, arido, un vento,
pungola e sprona,
che ogni cosa scenda a valle,
miscelerà gli elementi
tra le nevi liquefatte al sole.
È, Natura, duplice
e impassibile;
diluisce nel tutto la sua essenza,
e profuma ciò che resta
di demoni e di fate.
E questa calca di esseri
strattona, si urta. Tutti siam,
seri, quando si gioca.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 16/04/2009 00:01
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0