accedi   |   crea nuovo account

annodando i filamenti dell' esistere

annodando i filamenti dell 'esistere
inventai, per tutti noi! le costellazioni virtuose,
ad una ad una radunai le mille ancelle
in questa gabbia di utopie.
leggende misteriose di regole infrante,
ri-e-voluzioni quotidiane,
notturni di violinisti erranti
sempre pronti ad uccidere, o a scordare:
la cloaca più squallida
e l' ammaliante commedia
d' un triste cipresso che prega i suoi dei.
poi, la rugiada chiamò a sé la notte fedele
e ciò che un giorno fu, non è più.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Paul D'Arse il 23/04/2009 12:17
    atmosfera interessante e coinvolgente. Personalmente amo poco gli aggettivi, sviano e rallentano il ritmo. mi piace, ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0