accedi   |   crea nuovo account

Sicilia

Si bedda Sicilia mia.
Quanno decisi di pàrtire e lassarete
ù me core muriu.
U' sule beddu e lu mari salato, ma duci, chianciano.
La vita amara e dura mi purtao luntanu.
Lù ciavuru di gelsumino e la frischizza di la zàgara
l'insonnu di notte,
ù cantu di la cicala, ammucciata nà la rama d'ulivo
un sento cchiù.
Si bedda Sicilia mia.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0