accedi   |   crea nuovo account

ritorno cosciente alla mia terra

alla fine del mio sguardo,
-Ecco! La valle che mi nutrì-
giace suadente, quasi immobile,
ha membra stanche, sfinite
dalle mille febbri,
da quei dolori. disseminati ad arte.
cedono ai rapimenti di ore non vere
gli schiavi che la abitano,
in un tempo rapido, perfetto.
La Terra! la vanitosa tra le bellezze!
Lei, che muta il volto,
senza mai nascondere
i segni dell' affanno.
ma a volte si innamora:
essa corteggia gli spiriti più ansiosi,
con esclamazioni di fiori regali
essa veste la morte
di preziosa bugia

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 17/04/2009 06:18
    piaciuta...

    Grazie.. zio... Eugenio... svolazzante...
  • Anonimo il 16/04/2009 20:39
    Piaciuta anche a me.
  • loretta margherita citarei il 16/04/2009 19:54
    piaciuta
  • Anonimo il 16/04/2009 19:24
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0