PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

VECCHIAIA

Ti guardi allo specchio
con piglio distratto
e noti le pieghe
d'un viso ormai sfatto;

ti strusci i capelli
divenuti più bianchi
e scruti quegli occhi,
ormai troppo stanchi;

ti struggi nel sogno
d'un perduto desìo
e attendi, perplesso,
il dì dell'oblìo.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 08/02/2009 20:52
    non è grigio come ciò che ha potuto determinarlo, anch'io ho l'ossessione del tempo...
  • Anonimo il 28/08/2007 11:07
    L'importanza della vita è accettare il tempo che passa, infatti è l'unica certezza che abbiamo, nati per poi morire. Se non andiamo nel profondo, quello che hai descritto nella tua poesia è quello che facciamo tutti, ci guardiamo allo specchio e ci concentriamo solo sul corpo che cambia. Molto reale. Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0