PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ophelie

Le palpebre chiedono
di potersi adagiare
cadere
liberarsi

Sospiro dietro all'orecchio
un bisbiglio
un sibilo

mi perdo
nell'acqua del fiume
nel silenzio degli alberi
annego e riemergo

galleggio a pelo d'acqua
respirando lentamente

mangio aria e nuvole
foglie e terra

resto sola in mezzo al tutto
tramutato in vuoto

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • augusto villa il 04/05/2009 16:13
    Un vuoto dove cìè di tutto... Complimenti!
  • Anonimo il 26/04/2009 10:46
    Mi hai fatto ricordare l'immagine di un quadro che ho visto tempo fa su di lei che galleggiava in mezzo a delle rose ^^

    brava molto bella
  • Anonimo il 20/04/2009 17:26
    Scivolare piano
    Seguendo la corrente
    Come foglia
    Accartocciata.

    E cullarsi
    Tra i flutti d'acqua
    Come tra le braccia
    Di una madre.

    Sospesa
    Nell'attesa
    Di una riva.

    K.
  • Anonimo il 17/04/2009 23:17
    Bella.
  • Anonimo il 17/04/2009 20:03
    bella.. mi piace
  • Anonimo il 17/04/2009 16:37
    Argomento molto difficile... resta Ophelie sospesa... fra ciò che era e ciò che non sarà.
  • loretta margherita citarei il 17/04/2009 16:31
    mi piace

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0