accedi   |   crea nuovo account

lo sciamano

Lo sciamano, il re del fuoco
danza e geme, sedotto d’ aurora.
Cerca il silenzio forse,
dopo aver riavuta l’ anima
tra il crepitio dei fuochi,
nei boschi densi di luna.
E le sue mani, che cingono,
che offrono e chiedono,
che proteggono i suoi fratelli,
poichè essi non capiscono
quante anime viventi
vive il loro dio.
Drogherà i suoi sogni, andrà
lì dove solo chi uomo non è
da sempre apre la porta del creato;
presto dimentico, divenuto ancora uomo
il sacrificio che consuma,
ed umilia gl’ innocenti
nel buio tempio dei padri.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 19/08/2012 07:43
    ho scritto anch'io una poesia con questo titolo... figura affascinante che si perde nella notte dei tempi complimenti
  • dario caiazzo il 06/01/2010 14:26
    bellissimaaa questo è il genere che mi piace... sei davvero bravo complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0