PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Insieme per pietà

Per mettere a tacere
le grida delle ingenue,
è di norma per alcuni
ingannarle senza tregue,
catapuldandole contro
pezzettini di speranze
poi nemmeno lo sforzo,
d'impietosire all'essenza.

Per pieta' si rovinò
la nostalgia con la resa,
per pieta' sposò il male
ma non in una chiesa.

Per quanto appaia opaco
un motivo per piacersi,
fregar troppo se stessi
dai problemi ci ha immersi,
scordare di non volere
lo scintillante sorriso;
scordare di non godere
a un occhiata del suo viso.

Diciott'anni di niente
e a diciannove i rimorsi,
tanta diversità di gente,
ognuno coi suoi trascorsi.

Un po' rimane la nostalgia
dei bicchieri di gelato,
ne ha scordato il gusto
e il portafoglio svuotato.
Le tenebre mortificate
ci ripareranno dalla luce
pensando è davvero fredda
questa giornata di nemici.

Mitiga la sua sobrietà
un vecchio che li guarda,
ride, torna a una certa età,
quella con la sua bugiarda.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0