accedi   |   crea nuovo account

quando sarà cessata la tempesta

Vivo nel silenzio
del mio dolore,
come d'inverno
il seme gettato
nell'arida zolla.
Se ancora canto,
canto la tristezza
dell'uccello imprigionato
in quella morte
che tu, crudele amore,
non mi hai rispiarmato.
Vento voglio rinascere
e spazzare via le tue foglie secche;
pioggia voglio rinascere
e bagnare i tuoi occhi
che per me.
mai hanno pianto.
Come coppa protesa verso te,
acoglierò le tue gocce d'iride,
quando nel cuore tuo,
sarà cessata, la tempesta.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Massimo Tusa il 20/04/2009 14:20
    Bella, mi piace molto.
    Ciao
    Max
  • Vincenzo Capitanucci il 19/04/2009 00:26
    Splendida... un santo Graal...
  • Anonimo il 18/04/2009 23:10
    Bella.
  • Donato Delfin8 il 18/04/2009 19:45
    Piaciuta
  • Antonio Pani il 18/04/2009 19:34
    Profuma di un intenso, disperato bisogno d'amore. Sentimento che si eleva a un livello superiore, io l'ho sentita così. Molto apprezzata. Grazie per attenzione e commenti, a rileggersi, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0