PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A due voci

È uno solo il nostro amore
e ci tiene a sé
come una madre di gemelli appena nati

Beviamo ai suoi seni uguali
la via di latte che ci tiene uniti
anche quando non ci tocchiamo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Anonimo il 05/06/2009 10:48
    Deludente.
  • tanya belletti il 23/04/2009 09:52
    che dire.. bellissima!
  • Anonimo il 21/04/2009 12:16
    La poesia non e' proprieta' privata. E l'amore?
    Bella poesia!
  • Nicola Saracino il 19/04/2009 18:38
    Lucia, sono lieto della tua partecipazione, ma... perché invidiare? la poesia non è proprietà privata! Suzi ti scuso solo se impari a distinguere il suono della doppia consonante... lo so, non ci riesce nessun albanese... e allora non ti scuso! Vincenzo non sei mai nebuloso e scoppietti come un grillo fritto in un olio che non fa fumo (so che non ti offendi). Sophie... lietissimo. Nicola
  • Anonimo il 19/04/2009 10:31
    Bella Nicola... sintesi perfetta!
  • Vincenzo Capitanucci il 19/04/2009 00:15
    Una via lattea universale ci unisce... nebulose apparentemente ci separano... ma sia Uno... e due nello stesso tempo...

    Bellissima... Nicola...
  • suzana Kuqi il 18/04/2009 23:38
    Molto bella fratellino poeta, per poco potevamo essere gemmelli, scusa ma ho visto la tua data di nascita
    perqafime
  • Anonimo il 18/04/2009 23:05
    Bella.
  • Anonimo il 18/04/2009 22:30
    molto, molto bello questo unisono d'amore...
    che invidia!!!
    e... bellissima poesia!
  • laura cuppone il 18/04/2009 22:21
    le mie uniche alchimie
    sono
    l'unione plastica e spirituale
    tra il fiore
    e l'insetto
    e la conservazione di questo prodotto
    é si frutto di estrema ed esclusiva attenzione
    ma nessun'altra moneta
    se non... un baratto equo col latte
    potrebbe comprarlo...

    bello si... conversare e scambiare
    e incontrarsi..
    sfuggenti
    ...
    Laura
  • Nicola Saracino il 18/04/2009 22:07
    Pare che il Battista insaporisse le sue labbra, nel deserto, con locuste (crude ritengo, o seccate al sole) e miele selvatico. Accetto in pieno la tua replica se ammetti che la tua alimentazione d'amore è fatta di miele "addomesticato" in alchimie di produttori attenti alle vendite... Sono appena passato attraverso il fortunale della tua "Gorgone-Solitudine", e ti ho ritrovata qui, in tranquille acque mielose. Oh Laura... teco celiar mi piace/altrove non ho pace. Nicola
  • laura cuppone il 18/04/2009 21:56
    il miele é fatica di ape.. il miele é sapore di labbra... e alchimia di nettare...

    nella mia alimentazione "d'amore" non manca mai... le locuste per quanto distruttive tendo a rispettarle.. come tutti gli insetti.(animali in genere)



    ciao
    Laura
  • Nicola Saracino il 18/04/2009 21:49
    Latte Laura, latte! Il miele è cibo del deserto e si accompagna alle locuste...
    Abbraccio te ed i gentili che ti hanno preceduto. Nicola
  • laura cuppone il 18/04/2009 21:31
    oh nicola... siamo davvero innamorati... bene.. bene!

    lo stesso latte beviamo
    lo stesso miele doniamo..

    piaciuta!
    Laura
  • Giuseppe ABBAMONTE il 18/04/2009 21:20
    L'amore di chi, pur distante, é molto vicino. Tanto da bere agli stessi seni, anche se non ci si può toccare.
    Che dire? È immaginifica.
    Ciao Nicola
  • Anonimo il 18/04/2009 21:12
    Che meraviglia.
  • loretta margherita citarei il 18/04/2009 20:10
    bellissima, bravo ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0