PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un nuovo paese

“Qual buon vento vi porta, Signore?
Qui ai pie’ dei monti, sotto
le stelle alpine?
Ma molto lungi dal sole
che infonde gioia alla vita? ”
Rispose mia madre, smarrita:
“Andiamo alla bottega,
per comprare del pane.
Mia figlia insegna:
la scuola l’ha chiamata,
non importa il paese,
importa solo il fine
che il cuore si propone. ”
E di rimando l’indigeno:
“Ma riflettete, signore:
qui è ancora buio,
quando sono le nove,
comincia ad albeggiare
che sono le dieci.
Siete quasi straniere,
cosa fate? Ce li avete
i pattini? E gli scarponi
con il pelo di lupo?
E le pellicce di montone? ”
Ad ogni domanda annuimmo,
tenendoci per mano.

E poi, l’inverno andò via:
spuntarono i bucaneve,
fiorirono i biancospini,
fiorirono le palle di neve
e la rosa bianca, regina delle nevi.
Ma le piccole viole,
quelle odorose, quanto bello è il sole,
rimasero in un angolo del cuore
aspettando un ritorno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 11/05/2013 10:17
    Dolcissimo questo cantico della natura con due figure di donna che si tengono per mano.
  • loretta margherita citarei il 19/04/2009 22:00
    piaciuta
  • Dolce Sorriso il 19/04/2009 21:26
    che bella
    brava Giusi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0