PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

stracà dal sol

a svoltolon sul lèt
‘ngartià ‘nde na flanèla
e i òci fiši sul celór
‘ndorbidi ‘nde qoel slùser
come che ‘l fiòchia, sèmpro e sèmpro

i làori suti, screpoladi
e dent ‘ndei sguardi mèi
‘na rogia la me ronca
pò sule galte roše
na lagrima che brusa, la par sia ‘l föc de dispiazéri

valgùni, chi vesìn
me cònta le sò storie
e qoél saór de rugiol
che me scaveza ‘l fià
l’è sol s’ciafoni, a ‘n cör che völ sgolàr a le sò cà

chi ‘ntorn sèmpro Nadal
co le sò lum che sbrìgola
machine che le rùmega
par dar spintoni al viver
fintant che ‘l sènto dént de mi, ‘mpizà ‘n de l’àrfi

pò ‘l vènt l’avèrge i vedri
e sento ‘n zìfol crùo
su ‘n mèz la néo se cuna
en petalo de rösa
a ‘ncolorirme ‘n pöc de sò, la sera greva senza luna

camìno sui pensieri
su ‘n mèz a le mè val
coi fiori söi de acàz
che è mél par la mè lengua
e quel azùr su sora, capèl sul mè sintér

perdù ‘ndei sogni mèi

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0