PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A fanculo!

Ma che cazzo faccio, credo ancora all’amore?
vesto d’eterno una falsa confusa;
penso sia magia, ha fatto solo le fusa.
Ma chi cazzo credo di essere?
passo i miei anni sopra un romanzo,
meglio pensare al prossimo pranzo.
Ma che faccio? Mi esalto per un posto di merda?
Questa è Palermo!
Altro che paradiso, è avanzo d’inferno.
Cosa spero d’insegnare?
Memoria in fumo; una laurea in lettere!
Dimmi, ora che l’ho, dove me la posso mettere?
Son così stolto da credermi poeta?
m’attacco alle rime, alla metrica ammuffita;
ma chi vuoi che l’apprezzi? Roba trita e ritrita.
Mi dici; sei una persona rara, credi ancora alle ideologie!
Son vent’anni che dico, sono comunista!
Ma va caga, passami un piano, mi faccio una pista.
Sai ora che ti dico?
Ora scendo giù da sto cazzo di mulo
prendo la mini e me ne vado a fanculo!

 

1
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/06/2012 10:55
    ... saggia decisione
    buon viaggio,
    complimenti.

7 commenti:

  • letizia salerno il 08/06/2009 14:45
    nooooooo, troppa rassegnazione!!!!
  • K. Lear il 22/04/2009 10:50
    Io penso che la mancanza di lavoro sia indiscutibilemente un grosso problema che condiziona le vite di noi palermitani.. A Palermo sicuramente la razionalità non ha il primo posto nelle cose.. io in compenso ci vedo un raro spirito di tolleranza, che negli affetti e nelle relazioni, porta un tratto importantissimo di umanità (quando purtroppo questo non si trasforma in rassegnazione all'ingiustizia)..
  • Donato Delfin8 il 21/04/2009 23:26
    Bellissima!
  • Anonimo il 21/04/2009 23:05
    Non credo che il problema reale sia Palermo...
    Questo è il pensiero di una come me che non è comunista ma neppure anti-comnista.
    Sono idealista e lo sarà finchè avrò vita!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    A rileggerti
    Contessa Lara
  • le fabbriche dismesse il 21/04/2009 21:29
    Bella poesia.. cruda e dura come raramente capita, uno spaccato di vita reale... questa poesia trasuda tutto il tuo malessere... bravo!!
  • K. Lear il 21/04/2009 20:47
    sì Palermo per certi versi è un avanzo di inferno, e moltissime persone sono emigrate per questo.. purtroppo è un destino comune a molti nati in una terra svantaggiata.. leggi crudeli del mondo a cui comunque possiamo resistere, se non stiamo soli..
  • cesare righi il 21/04/2009 20:43
    Ma cacchio quanto mi è piaciuta, quasi quanto Palermo (vista da turista!)
    unico appunto: scendo dalla mini e monto sul mulo e mando tutti a...
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0