PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La voce della coscenza

Una voce
nell'animo ferito
<stai peccando?>

No!
Tremavano
le stelle.
<credi in Dio?>

Risaliva
il dubbio
nel credere
"è una parola grossa,
posso dire che lo stimo."

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 21/07/2010 23:58
    molto ironica comunque se lo stimi ci credi
  • michela bortolotti il 28/04/2009 12:12
    dovresti credere a quello che scrivi.
  • ivano cosulich il 24/04/2009 03:27
    grazie dei commenti,
    riguardo alle fonti, ho letto e imparato da qui che non è neccessario citare le fonti, visto che chi le usa non le cita!
    riguardo a coscenza/coscienza, entrambi i modi sono esatti, forse il primo è desueto!
  • Donato Delfin8 il 23/04/2009 22:30
    interessante!
    stile a barzelletta
  • loretta margherita citarei il 22/04/2009 15:26
    forte
  • Anonimo il 22/04/2009 10:47
    Era un bambino presuntuoso e saccente. Quando la meastra di prima elementare gli chiese: "Ma tu credi in Dio?", lui rispose: "Beh, credere è una parola grossa. Diciamo che lo stimo." Walter Fontana

    n. b. bisogna citare le fonti di pseudo ispirazione
  • Anonimo il 22/04/2009 10:41
    coscenza... è proprio vero che non sai scrivere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0