PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Senza timore...

Avvicinati giorno
senza timore
appronterò canovacci
briciole
ganci
capestri
ma non ti prenderò
in trappola

Avvicinati a me
senza attese metaforiche
ma solo col pane
solo
con l’acqua

Avvicina alla parola
le tue labbra senza nome
le tue colonne bianche
i tuoi incanti cremisi
le tue spore ammaliatrici

Avvicinati
ai passi che si compiono
perché verifichi
la civetta la tua fine
e ne racconti le parabole infantili
abbracciando cuscini d’aria pura

Avvicinati esorbitante chiaroscuro
domino lento e inesorabile
scoglio di coralli e ceppi ardenti
campo di papaveri e lepri assonnate

Attendiamo
la tua venuta da quando
fu nominata la tua
imprevista immagine
e il nostro
è il sorriso morbido
nostri gli occhi di sale
nostre le mani giunte
nostre le ginocchia tremanti
nostre le ciglia chiuse alla tempesta di foglie
con l’onda anomala
a sovrastarci
a momenti….

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • laura cuppone il 24/04/2009 21:58
    ps.. un abbraccio ci sta...

    laura
  • laura cuppone il 24/04/2009 21:57
    grazie a:
    Loretta, dolce, umberto, sophie, monica, maria cristina, cesare, augusto, fabio, marco e blackwhite...


    Laura
  • Anonimo il 24/04/2009 13:26
    in certi momenti è necessario sentirsi disarmati.
    molto bella
  • marco dossena il 24/04/2009 00:02
    mi ha svegliato... ho gurdato la pioggia per distrarmi.. poi l'onda anomala mi ha riportato a te.. mi piace
  • Fabio Mancini il 24/04/2009 00:02
    Molto bella. Ci leggo anche qualcosa di spirituale. Ciao, Fabio.
  • augusto villa il 23/04/2009 23:04
    Che bella... Veramente complimenti... Cascata d'immagini... e di Sentimento..
    Ciao Fatina...
  • cesare righi il 23/04/2009 22:46
    brivido... concordo con il crescendo di Ravel, sensuale, un sodalizio tra notte e giorno
  • Maria Cristina Burgio il 23/04/2009 20:32
    Profonda ed emozionante
  • Anonimo il 23/04/2009 18:58
    Molto bella.
  • Anonimo il 23/04/2009 18:42
    È un crescendo, sembra una sinfonia... Bolero di Ravel?.. ma anche la musica finisce! Bella Laura!!
  • Anonimo il 23/04/2009 15:17
    che cosa stai attendendo a mani giunte e con le ginochhia tremanti, fatina? Se avrai bisogno, sarò sempre quì.
  • Dolce Sorriso il 23/04/2009 14:58
    non aver timore tutto passa,
    anche i momenti bui,
    ... e già la luce è nei tuoi occh
    iun abbraccio
    Anna
  • loretta margherita citarei il 23/04/2009 14:22
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0