accedi   |   crea nuovo account

Davanti al castello

In tutta la sua altezza il bel castel s’affaccia,
così che il fiato mio sospeso a lungo lascia.
Il passo è timoroso nel penetrar l’essenza,
ma troppo suggestiva mi par la sua presenza.
Di spirito gagliardo rivesto allora il cuore,
mi armo d’una spada e vado a far furore,
rincorrerò a cavallo della mia fantasia
gli spazi traboccanti di singolar magia,
sarò un bel cavaliere, eroe senza età
e di tutti i sortilegi io non avrò pietà!
Tra muraglie e torrioni,
casseri e portoni,
confermerò conquiste, evocherò novelle
e di me s’infatueranno tutte le dame belle.
Le sento così, vagare, le dolci mie chimere,
tra queste spesse mura che il tempo ha reso nere,
non serve la parola per raccontar le gesta,
dentro, nel castello, è pietra pure questa.
Amore e morte vivono silenziosamente,
come fantasmi bianchi che erran perennemente.
In tutta la grandezza m’appare ancor il maniero,
eppur restando fuori, respiro il suo mistero.
La mente mia si perde nel regno del suo incanto,
or sono menestrello e la sua storia canto.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Rik Forsenna il 27/04/2009 20:40
    brava Anna Maria... è ben scritta e forte... mi piace...
  • Massimo Tusa il 27/04/2009 15:39
    Sei un menestrello errante, che canta la gioa di vivere in un sogno, nel quale riesci a trascinare tutti con un'energia dilagante. Baci
    Ciao
    Max
  • celeste il 23/04/2009 20:46
    Scorazza senza macchia il tuo destriero e l'incursioni son tuo vanto. Renato
  • loretta margherita citarei il 23/04/2009 14:21
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0