PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il canto di una schizzofrenica

Rubarvi qualsiasi oggetto
E liberarmene allo sciacquone
Ma siete malati di troppa razionalità
Per poterlo capire
Hanno costruito un muro
Davanti ai miei occhi
Come stanno i miei figli?

La mia mano a raccogliere
Una montagna
Che hai vostri occhi non è altro
Che un timido mucchietto di terra e sassi
Ma siete malati di troppa razionalità
Per poterlo capire
E saper che io
In quella montagna ho spostato terra e fiumi
Per sotterrarvi un seme caduto
Di una mela uccisa a morsi
E voi questo gioco chiamavate
Schizzofrenia
Io questo gesto chiamo
Amore

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/11/2014 07:15
    Piaciuta e quindi apprezzata questa tua sentita.

5 commenti:

  • augusto villa il 05/02/2010 22:41
    È bella... e il suo sentore arriva molto bene... Complimenti! ---------
  • ELIO RIA il 23/07/2009 10:24
    Bella! Oltre la ragione vi è la sensibilità necessaria per capire e capirsi.
    elio
  • antonio castaldo il 26/04/2009 20:21
    bella! mi è piaciuta.
  • Vincenzo Capitanucci il 24/04/2009 23:13
    Bellissima... Emanuele... siamo troppo razionali... per capire la sensibilità schizzo... l'amore...

    ... di una mela uccisa a morsi...
  • loretta margherita citarei il 24/04/2009 22:02
    particolare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0