PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vecchio pianoforte

Sfilò il panno di velluto, lo coccolò sul volto;
guardò stregato come il primo amore;
l’accarezzò,
v’impose lo stupore d’averlo ritrovato.
Fece pausa, rapito come se pregasse.
La tastiera si voltò, si scosse,
senza convinzione
svegliò i tasti assopiti da tempo,
lucidi di sonno, frastornati,
d’osso e d’avorio i bianchi, d’ebano i neri,
levigati, preziosi, ma pronti a sfinirsi.
Con devozione schioccò, stese le dita,
sicure, nette, affusolate,
cinque sprazzi di sole e d’emozione.
Risuonò la stanza d’armonia,
perizia, competenza, classe sui tasti inginocchiati.
Effluvi di melodie frenate,
Violini, arpe, mandole,
echi di bronzi e mandolini,
e fu stupore e sogno.
Non ci credeva il piano,
piangeva con lui quel vecchio pianoforte
che lo strappò alla morte.
(2005)

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • salvo ragonesi il 17/02/2011 10:26
    dare anima ad uno strumento abbandonato e forse per sempree poi farlo rivivere nuovamente. una commozione da provare. bellissima.
  • Maurizio Cortese il 28/04/2010 23:32
    Magia della musica: il cuore si rinnova, si ridesta alla vita, si riappacifica con il mondo. Sono questi i significati che traspaiono da versi lessicalmente preziosi e carichi d'emozione.
  • Edmondo F. il 22/05/2009 02:47
    Chiunque suoni il pianoforte non potrebbe non apprezzarla!
  • Paola Reda il 11/05/2009 23:54
    Il mio bianco pianoforte Yamaha verticale è lì. Lo regalai a chi mi prese il cuore, ma il pianoforte è ancora lì, muto perchè non so suonarlo. Ho provato tante volte ma sembra di ferro. Allora era morbido, dolce, suadente. Oggi è solo un moblile che impreziosisce la casa.
  • Anonimo il 08/05/2009 01:28
    bella ridare vita ad uno strumento tra le mani di chi forse conosce meglio il piano di se stesso
  • Chiara Savazzi il 04/05/2009 19:44
    Mi ricorda i vecchi tempi, quando anche io suonavo il piano... chi sa che un giorno non ricomincerò a farlo... bellissima e me la conservo *______*
  • Anonimo il 03/05/2009 16:17
    Davvero emozionante! La poesia suggerisce l'idea di un colloquio pacato con lo strumento, un dialogo profondo tra i tasti del pianoforte e l'anima del musicista. La dedizione e la passione che caratterizzano colui che suona sono rese in maniera eccellente attraverso immagini dettagliate ed efficaci.
    Complimenti!.. Emanuela
  • Anonimo il 28/04/2009 13:44
    Emozionante.
  • Donato Delfin8 il 26/04/2009 07:59
    bella
  • Anonimo il 25/04/2009 23:16
    Bella.
  • K. Lear il 25/04/2009 22:41
    molto bella
  • loretta margherita citarei il 25/04/2009 20:21
    piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0