PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La barzelletta di una vita stagnante

Dai Donato
ti racconto la bar-zel-letta dello stagno
delle vispe ranocchie dalle lingue cecchine

c'è-c-chine

c'è
il capitan rospetto

chine e zitte...

Non so che cosa succederà nel presente futuro
io sono in risata permanente vivo

penso seriamente sospetto che in paradiso entreremo sbellicandoci in pace fuori da ogni guerra continuamente ridendo

dedicandoci a darci baci in luminoso Amore nel nostro splendido bar-il-otto

ed è l'inizio di non so cosa

di sicura universale amicizia in ridente sorellanza-fratellanza

finalmente in un sano mal de panza!!!!

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 27/04/2009 20:44
    ahahahah... strepitoso!!!!!!
  • Anna G. Mormina il 27/04/2009 17:32
    ... meno male che il mal di panza e... sano... ...
  • Massimo Tusa il 27/04/2009 15:19
    Ironico ed invitante, questo bar-il-otto senza fondo, pieno d'amore.
    Bella e simpatica.
    Ciao
    Max
  • loretta margherita citarei il 27/04/2009 14:58
    toghissima
  • Anonimo il 27/04/2009 09:20
    .. simpaticissima..
    aurora
  • Donato Delfin8 il 27/04/2009 08:54

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0