accedi   |   crea nuovo account

La poesia infinita, continua

...
l’amore dove lo collochiamo?
nella perfezione si insinua la noia
che come compagna di vita

non è la mia preferita
sei tu che voglio
nei tuoi difetti e nelle mie turbe

nel tuo tondo sedere
e nel mio esibirmi
nel sesso sfrenato

nel letto che abbiamo
ormai consumato
in tutte le notti sognato

in queste strofe forse banali
che ho or ora raccontato
che importa questa è la nostra infinita

e chi legge
se ha avuto l’ardire fin qui d’arrivare
non ha possibilità di contestare

a noi le contestazioni ci fanno incacchiare e

allora andiamo ragazza
raccogliamo le nostre cose e partiamo
vagabondi del mondo saremo

dove luce sarà
atterreremo
partire per noi non è come morire

a volte è un arrivo
e se attendiamo oltre
forse partirà solo la nostra voglia d’andare

tu sei viva nel viaggio
ti vedo trasformi quello che sei
t’illumini d’immenso (eh, qui ci sta bene)

sei luce di stella
rifulgo anch’io
sebbene come pianeta

ogni tanto mi sento
un po’ spento
poi riaccendo la voglia

... e continua... continua...

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 27/04/2009 21:19
    Bella.
  • Fabio Mancini il 27/04/2009 19:30
    Il tuo modo di non prenderti troppo sul serio, mi rallegra e sconcerta. Ciao, Fabio.
  • loretta margherita citarei il 27/04/2009 14:20
    sorbole e pistacchi! bella
  • Cinzia Gargiulo il 27/04/2009 12:22
    Originale!
    Ciao...
  • Vincenzo Capitanucci il 27/04/2009 12:07
    Ardo... Ardo... Cesare... nel nosto ar-dire... parole di fuoco... parole quasi hard...
    forza ragazza di luce... vai avanti... che io ti spingo... in un amore sempre più puro...
    e la vita continua... sempre in voglia... di verità... e continua... continua.. sempre...
    Infinita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0