PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tu, tempo.

Tu. Tempo.
Ingenuo.
Tenebroso.
Incuti timore, minacci;
vai da una parte all’altra.

Ti fai vedere. Si.
Ma nessuno può evitarti.
Arrivi. Ti rigeneri.
Questa è la tua vita.
Divertente. Non per me.

Ma,
non cerco soluzioni.
Siamo come un gatto e un pesce io e te.
Non esiste neanche un compromesso,
quindi.

Tu, gatto
Mangi me,
pesce.
Due corpi estranei,
però fai parte di me, di ogni essere.

Non posso parlarti.
Non posso dirti, alcuna volta,
di star fermo, come una vela può sembrare
quando corre, via, sul mare.
Mi occupi.

Probabilmente è questo il tuo lavoro,
o forse,
il tuo gioco.
Voglio vederti,
senza orologio;

scattarti una foto senza numeri;
viverti tutto,
ma assaggiarti a poco a poco,
amarti, se posso
crearti io, con le mie mani.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Sergio Fravolini il 16/10/2010 12:27
    Il testo è schietto e diventa di forme nuove e lascia con amarezza. ella.

    Sergio
  • Anonimo il 08/05/2009 07:28
    bella,
    ne volevo fare anche io una sul tempo mo me l hai rovinata ahahahah ciao
  • Donato Delfin8 il 01/05/2009 17:35
    molto bella.
  • Chiara Savazzi il 30/04/2009 14:27
    Grazie ^^
  • luigi demuro il 29/04/2009 22:43
    bella
  • Anonimo il 29/04/2009 22:26
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0