username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Primomaggio

L'abbiam sentito almeno mille volte
che dal lavoro nasce nobiltà
e al tempo stesso anche la dignità,
parole come neve al sole sciolte

e retorica da deputato vero
che dal palazzo sfocia nel flagello,
la morte ha già cambiato il suo mantello,
adesso indossa il bianco e non il nero.

Gelano il sangue i tocchi di campana
e l'urlo di chi ha aspettato con terrore
in quella lunga attesa andata vana

sarà il vessillo e il nostro tricolore
e centomila urla come una fiumana
saranno un solo urlo di dolore.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Giuseppe Vita il 22/11/2014 12:00
    La seconda quartina deve osservare lo stesso schema rimico della prima.
  • Anonimo il 05/05/2009 07:09
    complimenti Augusto veramente bella.. e vera
    Aurora
  • augusto picci il 02/05/2009 11:45
    grazieeeeee!
  • Giovanni Ibello il 01/05/2009 12:45
    i miei complimenti... verismo!
  • loretta margherita citarei il 01/05/2009 11:38
    bellissima, condivido.
  • Alberto Veronese il 01/05/2009 10:31
    già. bella. complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0