username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Calcoli

Cosa devo imparare?
Cosa mi volete dire?
Mi obbligate a contorcere la mia essenza.
Per cosa?
Ci sarà mai una risposta
a queste saltuarie frustate
che scandiscono il tempo e i miei anni?
Forse i numeri primi sono la risposta per me:
divisibili solo per se stessi.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • giuseppe vietti il 04/08/2008 17:21
    mi sento venir meno di volutta'
  • Emanuele Perrone il 21/10/2006 03:46
    secondo me siamo divisibili anche per gli altri... basta comprenderli...
  • Raffaele Giugliano il 29/09/2006 14:43
    Frasi incisive, scandite con forza, che mi trasmettono immagini di sofferenza e di dolore, di bisogno di evadere e percorrere la propria strada. Frasi che solleticano la curiosità di leggerti ancora.
    Voto: 8
  • Christian Roccati il 29/08/2006 19:37
    Bella poesia. I numeri primi però sono divisibili anche per uno... e magari quell'uno è la risposta al dubbio quasi iperbolico.
  • flavia delpino il 22/07/2006 13:52
    CARINA!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0