accedi   |   crea nuovo account

La stella dannata (20 aprile 2009)

Troppe lacrime
sto versando
per scoprire
il sorriso del mio cuore...
inesorabile cascata
lenta e violenta
fragorosa
di umori viariopinti
in gioie ribelli
a insulse guardie
di ologrammi senza ali
grigie di tristezza...
con espressioni dettate
da cervelli
di putrida gelatina.
Nessuno mai
potrà comandare
l'elegante incedere
dell'armonia...
ne guidare la verità
in stazioni abbandonate
e dimenticate...
sento la purezza
sovrana dei miei desideri
inquieta
sanguinosa
e folle
di carezza di vita...
selvaggio abbraccio
travolgente di sensi
mai appagati...
che si elevano al cielo
per unirsi
al gioco sensuale
degli angeli...
che corteggiano le stelle
dentro un alba
che sogna d'infinito.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Bruno Quattrone il 16/10/2012 19:34
    La conservo, bellissima Rik
  • ANNA MARIA CONSOLO il 11/05/2009 15:45
    Sembra proprio un volo!
  • Donato Delfin8 il 04/05/2009 15:30
    piaciuta!
  • Anonimo il 02/05/2009 12:33
    Veramente grande Rik.. sofferto!
  • Anonimo il 02/05/2009 07:47
    bravissimo
  • loretta margherita citarei il 02/05/2009 05:36
    wonderfull, sei bravissimo, ciao
  • Vincenzo Capitanucci il 02/05/2009 03:05
    Stupenda Rik... un alba che sogna il suo infinito... in troppe lacrime di rossa rugiada
  • Anonimo il 02/05/2009 01:02
    Notevole soprattutto la parte finale... dove il gioco sensuale degli angeli che conversano con le stelle ti portano a toccare con mano l'idea di infinito

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0