PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bara di luce in creativo Amore

Da quando sono nato
quattro becchini neri
chiusi in loro stessi

lentamente accompagnano il mio corpo
giorno dopo giorno

la mia solitaria bara
in una terra sconsacrata

schiarendoli aprendoli nel sacro
sotto l’impulso di una volontà divina

i miei occhi roteanti intravedono profanano
il mistero d’un altro destino

luminosissimo

glorificando nella luminosità
il cuore di ogni polvere

in firmamenti brucianti d’Amore di stelle vive folgoranti

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 25/01/2010 11:23
    splendida, mi piace la nobiltà del tuo dipingere immagini, ti stimo moltissimo!
  • Anna G. Mormina il 02/05/2009 17:21
    ... tutti, più o meno, abbiamo paura della morte ma... e se quei 4 becchini neri, invece fossero 4 bianchi angeli?... ecco perchè intravvedi un altro destino... il mistero è risolto!... splendida!
  • giuliano paolini il 02/05/2009 10:32
    guarda meglio e forse scopri che la nostra bara sempre pronta è tappezzata di specchi dove si riflette all'infinito il nostro volto, ma il richiamo lo sentiamo sempre lontano e ci dimentichiamo che adesso si può fare
    dai vecchio ubriacone che la prossima sia la sbronza del secolo e poi che sia vita e si possa in qualche misura evaporare nel virus del vivere
    credo sia un gran bel virus, però bisogna mancare la vaccinazione altrimenti si può anche finire per sopravvivere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0