-->
username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Bulimia

Si accende inconsciamente nella mia
mente, un vuoto apparente, che mette
in fibrillazione tutto il mio essere, muto
silenzioso, triste ed incapace, mi guardo
intorno non vedo nessuno.
Mi avvicino con passi felpati, scruto il
vuoto che c'è intorno a me,
la mia fame incontrollabile,
vedo il cibo, è qui vicino.
Mi prende un tremolio, le mani nervose,
le labbra appiccicate, sento il vuoto
dentro me, si mi butto di colpo, arraffo
tutto, la bocca piena non si svuota mai,
butto giù tutto, ma non mi basta riprendo
a mangiare fino a star male.
Riempio tutto il mio corpo, la mia esistenza,
la mia incapacità, il distacco del mondo,
sensazioni che non finiscono mai, sento
lo schifo che c'è dentro me, corro di corsa,
cado in ginocchio, mi svuoto tutto, ritrovo
il vuoto.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 08/06/2011 09:50
    Complimenti splendida poesia
  • Giuseppe Bellanca il 02/05/2009 23:26
    grazie nicoletta... ma sai quante donne soprattutto ne soffrono di questa malattia...
  • nicoletta spina il 02/05/2009 23:22
    Poesia di sofferenza e cruda realtà, scritta da un'anima sensibile e ricca di comprensione e amore. Triste ma... bella
  • Giuseppe Bellanca il 02/05/2009 15:05
    grazie cara..
  • loretta margherita citarei il 02/05/2009 14:01
    bella
  • Giuseppe Bellanca il 02/05/2009 13:18
    si solo con tanto amore e tanto affetto si supera questa malattia ne conosco diversi casi che sono guariti con l'amore... grazie Anna smack..
  • Dolce Sorriso il 02/05/2009 13:12
    senza parole..
    bella poesia e sapisco la sofferenza,
    si può guarire amando e amandosi,
    bisogna crederci
    ... Davvero
    smack

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0