username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Prima colazione

Il silenzio in gola
attorno ad un tavolo
che non sa parlare.
Un sorriso
fatto di lacrime e,
di sospiri,
l'incomprensione
e la difficoltà
di capire e capirsi.
Quella voglia di saper dire
e spiegare
quel che ho dentro
e l'impossibilità
di aprire la bocca.
Le urla
come tutte le mattine;
le urla
di chi non può capirmi
e non lo farà mai;
le urla
di chi mi ha vista crescere
e non sa chi sono;
le urla
di quella madre
che mi vorrebbe diversa.
Il silenzio in gola
scappo via
perchè è quello che mi viene meglio:
SCAPPARE

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 03/01/2012 20:15
    Certo che in questa poesia viene espressa una rabbia repressa forse da troppa autorità (materna). E lo scappare può essere la peggiori delle situazioni, perchè si spera che quella persona ti voglia bene, e ciò la renderebbe triste. Il dialogo è l'unica arma in questi casi.

13 commenti:

  • Sandra Checcarelli il 21/04/2011 16:43
    Bella, dura un rapporto filiale madre e figlia sempre più complesso oggi in questa società. Brava!
  • Giuseppe Catalfamo il 02/04/2011 04:34
    Non capisco perchè bisogna arzigogolare i commenti
    Se uno vuol dire semplicemente 'molto carina' ... potrà esser padrone di farlo?
    Bhà...
  • Anonimo il 22/02/2011 18:44
    devo dire che sono rimasto molto colpito dalla mia reazione, una poesia che nella sua semplicità espressiva mi ha trasmesso molto... una rabbia dovuta all'incapacità di far valere le prioprie idee le proprie sensazioni e sentimenti... chiedersi come sia possibile che proprio chi ci è più vicino non conosca profondamente la nostra essenza ed esigenze... vivissimi complimenti..
  • Anna Raccardi il 15/02/2011 06:51
    poesia molto bella le urla, vorresti urlare, ma non ci riesci, pur di non sentire urlare, ti vienc voglia di scappare. complimenti barbara ciao
  • Barbara Abenante il 16/01/2011 19:48
    Grazie Ignazio; il tuo commento mi ha riportato in questo sito e mi ha fatto ricordare tante cose. Grazie mille.
  • Aedo il 16/01/2011 19:09
    Una poesia diretta, coinvolgente, in cui esprimi in modo efficace i tuoi sentimenti e la rabbia, per non aver trovato intorno a te sensibilità e comprensione. Bella poesia!
    Ignazio
  • Anonimo il 26/07/2010 09:29
    spesso si urla per non sentire un dolore che si ha dentro, come quando, per non sentire un rumore, produci un rumore differente. molto sofferta, ti trovo molto empatica. brava. P
  • Marysun... il 08/04/2010 13:36
    eeh.. alzarsi la mattina significa a volte iniziare un nuovo giorno con la luna storta comprensibile il desiderio di scappare! piaciuta
  • Barbara Abenante il 27/05/2009 19:13
    grazie!
  • Vincenzo Capitanucci il 22/05/2009 19:07
    Prima colazione... ultima discussione... le urla non portano a niente... danno solo voglia... di fuggire lontano...

    Brava Natasha... si potrebbe parlare dolcemente... cercare punti d'incontro...
  • Anonimo il 02/05/2009 22:17
    Bella ed esplicativa, difficile il rapporto coi genitori...
  • antonio castaldo il 02/05/2009 20:36
    uè... piccerè... che è tutto sto pessimo... vabbuò lassamma stà...
    molto coraggiosa nel dire ciò che pensi... brava per come lo dici
    continua così... e sarai sempre più brava... smackk!!!!!
  • loretta margherita citarei il 02/05/2009 13:45
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0